Alberto Lenzi
per il BENESSERE e la TUTELA ANIMALE

Il Forum Nazionale PD Tutela e Benessere Animale vede con grande preoccupazione la questione legata alle GAV in Toscana e non condivide la decisione della Regione che produrrà sicuramente una divulgazione di associazioni non controllabili direttamente dalle Province con il rischio di avere in futuro dei possibili “sceriffi senza controllo” .
Infatti le GAV oggi riescono a gestire il corretto utilizzo di questo incarico pur essendo un servizio volontario quindi di difficile controllo nella corretta applicazione delle regole.
Infine riteniamo che l’indotto odierno delle sanzioni amministrative sarebbe ampiamente sufficiente per coprire il servizio,quel servizio che ad oggi alimenta con le proprie sanzioni una parte del bilancio regionale .
Perché modificare un qualcosa di funzionale, innovativo e simplificativo in Toscana?

Ricordiamo perché vennero fondate le GAV oltre 10 anni :

La L.R.T. 7/98 offre due strade a chi vuol fare la Guardia Ambientale Volontaria: aderire in forma personale alle G.A.V. Coordinate, diventando in pratica un ausiliario della Polizia Provinciale, oppure, facendo parte di una delle associazioni ambientaliste, della caccia o della pesca riconosciute, stabilire un rapporto di convenzione, diventando così una G.A.V. Convenzionata.
Nel varare la L.R.T. 7/98 il legislatore ha in ogni caso voluto raggiungere un doppio obbiettivo: dare organicità e un adeguato quadro normativo al volontariato che fino a quel momento aveva esercitato la vigilanza ambientale spesso in modo scoordinato ed estemporaneo, riconducendo allo stesso tempo tutto il settore sotto il diretto coordinamento dell’ente pubblico, le Province appunto. Tutte le Gav quindi, che siano direttamente coordinate o che facciano parte di una associazione che con la Provincia ha un rapporto di convenzione, rispondono del loro operato direttamente al comando della Polizia Provinciale con il quale coordinano l’attività di presenza e di vigilanza sul territorio.
Come precedentemente descritto le Gav convenzionate sono legate alla Provincia da un atto di convenzione con il quale l’Amministrazione assegna loro un finanziamento in cambio di una serie di attività peculiari dell’Associazione di appartenenza.
Le Gav Coordinate invece sono alle dirette dipendenze operative del Comando della Polizia Provinciale e vengono impiegate in base alle esigenze espresse dal Presidente e dagli Uffici provinciali competenti. Fatte salve esigenze specifiche, questo vuol dire che le G.A.V. Coordinate sono impegnate in numerose attività. Vediamo le principali: controlli in materia di caccia e pesca, controlli ambientali e sui rifiuti, controlli antincendio, su parchi, aree protette ed istituti faunistici, sulle acque (scarichi ed attingimenti) e a tutela del patrimonio idrico, sulla raccolta dei prodotti del sottobosco (tartufi, funghi…), sulla forestazione, la circolazione fuoristrada, il ,randagismo. Le GAV svolgono, inoltre, attività didattica presso gli istituti scolastici per la formazione ambientale ed attività di protezione civile.

Coordinatore Alberto Lenzi