Alberto Lenzi
per il BENESSERE e la TUTELA ANIMALE

Come gruppo di lavoro PD Toscana tutela e benessere animale presentiamo il nostro referente alle elezioni comunali di Pisa.

Salvatore Sanzo
37 anni, pisano, sposato con 2 figli. Laurea in Giurisprudenza, assessore provinciale allo sport, turismo e politiche giovanili. Presidente del Coni Toscana, responsabile nazionale dello Sport delle Province, giornalista Sky e nel cassetto 4 medaglie olimpiche, 10 mondiali e 9 europee. Già professore all’università di Pisa insegnando scherma, diritto pubblico e privato. Il mio obiettivo è impiegare le mie competenze specifiche per il progresso di sport, turismo – anche per il litorale -, potenziamento nazionale delle rievocazioni storiche e tutela degli animali.

Nello specifico l’impegno sul tema animali:

-integrare il regolamento cittadino sul benessere animale con le ultime indicazioni analizzate da associazioni animaliste e gruppo di lavoro pd tutela e benessere animale.
-organizzare una migliore gestione del canile sanitario garantendo una gestione tesa al riaffidamento e alla ultimazione del canile rifugio
-adottare una politica adeguata nella tutela e salvaguardia dei cavalli utilizzati per il trasporto dei turisti nel periodo estivo.

 


Come gruppo di lavoro PD Toscana tutela e benessere animale siamo molto soddisfatti del risultato politico ottenuto sul tema “blocco della caccia alla volpe in tana nella provincia di Siena”.

Un ringraziamento particolare va ai  nostri senatori PD che ci hanno appoggiato ufficialmente la nostra posizione, dimostrando nei fatti quanto il sentimento legato al benessere animale oggi sia presente nella sinistra italiana.

Questo successo ci sprona a promuovere nuovamente la nostra raccolta firme

http://www.change.org/it/petizioni/a-tutti-i-cittadini-toscani-sensibili-al-tema-benessere-e-rispetto-animale-contare-il-reale-numero-dei-cittadini-che-hanno-a-cuore-gli-animali

Di seguito uno degli articoli su blocco caccia volpi

http://www.geapress.org/caccia/siena-le-volpi-in-tana-sono-salve/44175


RESTIAMO ANIMALI su CONTRORADIO del  21 aprile 2013 intervista:

http://www.controradiolive.info/podcastgen/?p=episode&name=2013-04-20_ra2_84_dom210413_mixdown2.mp3#.UXT4HlFiZvg.twitter

quindi firmate la petizione per cambiare gli equilibri interni al PD in Toscana:

http://www.change.org/it/petizioni/a-tutti-i-cittadini-toscani-sensibili-al-tema-benessere-e-rispetto-animale-contare-il-reale-numero-dei-cittadini-che-hanno-a-cuore-gli-animali

 


Tratto da:

“RESTIAMO ANIMALI” trasmissione cruelty-free, animalista, antispecista e vegan  in Toscana, la domenica mattina alle ore 12:00 e il giovedi alle 9:55 e alle 16:05 su Controradio, fm 93,6-98,9

Sempre più dura per il PD mantenere le sue posizioni a favore della lobby dei cacciatori

Come sapete alcuni Senatori del PD si erano spesi a favore del salvataggio delle volpi che, in Provincia di Siena, erano state condannate a morte dall’Assessore alla caccia Betti (PD) la quale aveva firmato una delibera che autorizzava la “caccia alla volpe in tana” tra aprile e luglio, proprio nel pieno del suo periodo riproduttivo.

Il primo a smarcarsi è stato  Alberto Lenzi che il 22 marzo ha scritto questo post http://www.albertolenzi.it/?p=388

immediatamente  sconfessato dal suo Partito http://www.gonews.it/articolo_188539_Sani-Spinelli-PD-Alberto-Lenzi-parla-titolo-personale.html

Margherita Hack tuonava contro le scelte della Provincia di Siena, quando dodici coraggiosi Senatori, tra i quali alcuni maggiorenti toscani, hanno firmato una lettera-appello,  capitanati dalla Senatrice Monica Cirinnà

Qui la lettera-appello dei dodici

http://restiamoanimali.wordpress.com/2013/04/02/appello-di-senatori-per-pd-alla-provincia-di-siena-stop-definitivo-alla-caccia-alla-volpe/

Non si è fatta attendere la bacchettata del  PD Toscano, che ha tempestivamente richiamato all’ordine i Senatori

Qui la  bacchettata http://www.bighunter.it/LinkClick.aspx?fileticket=6HEq%2ftIVCpA%3d&tabid=204

qui il nostro commento http://restiamoanimali.wordpress.com/2013/04/11/e-il-pd-toscano-dice-ai-cacciatori-obbedisco/

qui l’esultanza dei cacciatori  http://www.bighunter.it/Caccia/ArchivioNews/tabid/204/newsid730/12510/Default.aspx

D’altra parte anche il PD dev’essersi reso conto dell’insostenibilità delle sue posizioni pro-caccia, e ribattezza le operazioni a colpi d’arma da fuoco ai danni della fauna selvatica “interventi di controllo anche con abbattimento”, un vero gioiello di neolingua.

La caccia – comunque la si voglia chiamare – è un’attività crudele e pericolosa perché movimenta armi e munizioni, causando la morte di creature viventi inermi e senza scampo

la pericolosità della caccia è dimostrata anche dalle sue vittime umane, come ci ricorda l’Associazione Vittime della Caccia: 21 morti e 97 feriti in soli 62 giorni venatori effettivi dal 1 settembre 2012 al 31 gennaio 2013 http://www.vittimedellacaccia.org/ultimissime/2969-stagione-20122013-vittime-della-caccia-una-strage-legalizzata.html

Dalla parte della civiltà è una  lettera firmata da personaggi della cultura, della scienza e dello spettacolo: Margherita Hack, Goffredo Fofi, Annamaria Rivera, Red Canzian e tanti altri http://restiamoanimali.wordpress.com/2013/03/26/fermate-la-caccia-alla-volpe-e-crudele-e-sbagliata-appello-alla-provincia-di-siena/

A voi chiedervi – e scegliere – da che parte stare

Noi stiamo dalla parte delle volpi, e di tutti gli altri animali

Camilla Lattanzi, redazione

PS) Qui un video che spiega quanto i Senatori PD abbiano ancora da lavorare per far progredire culturalmente ed eticamente il loro Partito

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=dQaxGRHLwwg

(aggiungo io ecco l’importanza di firmare questa mia petizione  )

http://www.change.org/it/petizioni/a-tutti-i-cittadini-toscani-sensibili-al-tema-benessere-e-rispetto-animale-contare-il-reale-numero-dei-cittadini-che-hanno-a-cuore-gli-animali


Il gruppo di lavoro PD Toscana Tutela e benessere animale in collaborazione con il Partito Democratico  Volterra critica in maniera ferma e  decisa la scelta del sindaco grillino di Volterra e della sua giunta di affidare gli 80 cani randagi ,oggi confinati a Reggio Emilia, al canile di Matera (Basilicata).

Questa scelta ci sembra dettata esclusivamente  da una errata valutazione economica da parte dell’amministrazione e dall’assenza di una corretta valutazione del benessere animale volta non solo al mantenimento in salute degli animali ma e soprattutto al ri-affidamento.

Confinare 80 cani in una località cosi lontana da Volterra, in una regione neppure confinante e soprattutto  in un canile che già vanta 900 cani ospitati, creerà enormi problemi di ri-affidamento dei soggetti abbandonati che si ripercuoterà, in maniera consistente, nel bilancio  comunale,  vista la spesa prevedibile che supererà i sessantamila euro ( soldi  dei cittadini volterrani).

Sarà impossibile per le associazioni animaliste locali volontarie trovare famiglie disposte all’adozionedei cani custoditi a Matera; affidarli ad un canile toscano avrebbe rappresentato anche una scelta politica che con il tempo avrebbe premiato l’aspetto economico più oneroso.

E’ necessario ricordare, e ci teniamo a metterlo in evidenza, che secondo quanto scritto nella Legge della Regione Toscana n.59 del 2009 per la tutela degli animali di affezione e la prevenzione del randagismo, all’art.32 comma 9,viene espresso che i Comuni che non dispongono di strutture proprie da adibire a canile rifugio, devono utilizzare “i canili presenti  SUL TERRITORIO REGIONALE O DI COMUNI LIMITROFI anche se appartenenti ad altre regioni”.

Chiediamo quindi all’attuale sindaco di rivedere subito la decisione presa.

 

Resp. PD Toscana Tutela e benessere Animale

Alberto Lenzi


SENATO DELLA REPUBBLICA

Roma, 2 aprile 2013 al  Simone Bezzini Presidente della Provincia di Siena

 

In qualità dei senatori del Partito Democratico, firmatari della presente, facciamo appello al Presidente della Provincia di Siena per esprimere la nostra disapprovazione per la annunciata “caccia alla volpe in tana” già autorizzata dal 1^ aprile e ora sospesa per un mese, come “attività di controllo” negli Istituti faunistici della Provincia di Siena. Molti di noi disapprovano la caccia in generale, ricordando che anche la stagione venatoria appena terminata ha prodotto, come ogni anno, vittime tra gli uomini, oltre la strage di animali e i danni all’ambiente. La caccia alla volpe in tana rappresenta una ulteriore crudeltà, che non ha fondatezza dal punto di vista scientifico, e non tutela l’ambiente; tale caccia in tana si svolge in pieno periodo riproduttivo, i cuccioli appena nati sono cacciati, sbranati da cani addestrati e le madri, intente ad allattare, sono uccise nelle loro tane o durante una fuga disperata. Chiediamo quindi alla Giunta provinciale di Siena di non reiterare i provvedimenti autorizzativi mettendo a punto invece sistemi ecologici e incruenti di controllo delle popolazioni di animali selvatici, con censimenti effettuati da organismi scientifici indipendenti e terzi. Invitiamo ad aderire al nostro appello i rappresentati di tutti gli Enti locali toscani e in particolare della Provincia di Siena, le istituzioni locali e tutte le associazioni animaliste e ambientaliste insieme ai singoli cittadini.

 

Monica Cirinnà, Rosa Maria Di Giorgi, Silvana Amati, Claudio Martini, Vannino Chiti, Manuela Granaiola, Riccardo Nencini (PSI), Roberto Cociancich, Anna Maria Parente, Francesca Puglisi, Paolo Guerrieri, Luigi Manconi